I FUORI PASTO 

vini-04.jpg
 
Soleras.jpg

TEMPERATURA DI SERVIZIO 14 °C

Dal tradizionale e sapiente metodo soleras, tre ordini di botti sovrapposte danno origine a questa preziosa riserva invecchiata in rovere per oltre vent’anni.

Il suo deciso colore ambra anticipa l’impronta olfattiva di fiori gialli, di ginestra, scorze d’arancia candita, frutta secca tostata, vaniglia e liquirizia.

Secco e asciutto questo vino al palato esprime una piacevole morbidezza di matrice alcolica. Mirabile l’equilibrio fra calore e fresca sapidità grazie alle note di mandorla in chiusura.

Ben si presta ad originali aperitivi, sopratutto se servito freddo.

Da gustare a temperatura ambiente, a fine pasto per accompagnare formaggi erborinati, stagionati o il più goloso cioccolato fondente.

Ineguagliabile compagno di meditazione.

Filari di vigna a favore di vento,
un liquida distesa
immensa e scintillante.
Secoli di uomini,
di tecnica e passioni
Candide colline di sale
accompagnano l’orizzonte
di grappoli maturi.
Ed è attesa, è pazienza.
E’ Marsala
— SV
Milla.jpg

TEMPERATURA DI SERVIZIO 14 °C

Di colore ambra e perfettamente equilibrato. Ampio e avvolgente al naso, offre sentori olfattivi che richiamano l’albicocca sotto spirito, gli agrumi canditi, i datteri, i fichi secchi e le mandorle tostate, seguiti poi da ulteriori ricordi di vaniglia, cannella, caramello e caffè.

Il palato è caldo, coerente con il naso, gradevolmente sapido e persistente.

Mille, marsala superiore semisecco riserva, invecchiato in piccole botti di rovere è un’ottima scelta a fine pasto specie se abbinato alla pasticceria secca siciliana.

Ideale anche come vino da meditazione, da sorseggiare lentamente a temperatura ambiente o leggermente raffreddato per completare la finezza e qualità del prodotto.

 
 
PassitodiPantelleria.jpg

temperatura di servizio 14 °C

Vino dolce, intenso e vellutato prodotto da uve Moscato coltivate sull’isola vulcanica di Pantelleria, in speciali conche scavate su terrazzamenti di pietra lavica.

“ In questa terra, dai forti contrasti di luce, circondata dal mare, si fondono in una strana armonia le rocce nere e appuntite, verdi pendii, lo splendido azzurro dello Specchio di Venere o del mare che bagna l’isola lungo il perimetro. Non è stato solo il verde acceso a destare attenzione ma un tenue colore della terra e una stragrande varietà di turchese che sembra circondarti benevolmente ovunque. Si è voluto richiamare in etichetta i colori dell’isola, colori soffici, non eccessivi, mediati tra un neutro e un delicato. Turchese e azzurro forte attenuati dalle sfumature grigio sabbia, perché anche il Passito è soffice, senza spigoli.”
— SV